“Un Sentiero per Tutti”

  

Il progetto Un Sentiero per Tutti, nasce dall’idea di concretizzare un’esigenza di diverse fasce di popolazione che, per via delle loro condizioni, trovano difficoltà a poter usufruire di contesti naturalistici e turistici. Nel concreto il progetto intende candidare la Comunità di Maddalena e il territorio limitrofo come centro di promozione di turismo accessibile e sostenibile in grado di valorizzare da un punto di vista turistico la realizzazione del sentiero accessibile a cui sta lavorando il Parco del Ticino.
Il progetto Un Sentiero per Tutti è frutto di un processo lento ma continuo, avviato nel 2003, quando ANFFAS Ticino viene coinvolta dal CCS (Consorzio Cooperative Sociali) di Cardano al Campo nel progetto Azioni di mitigazione attraverso la valorizzazione del paesaggio rurale dell’area di Malpensa“ promosso da Regione Lombardia, ERSAF (Ente Regionale Servizi all’Agricoltura e alle Foreste) e Comunità Europea. Il progetto ha permesso una valorizzazione dell’area verde della cascina e la predisposizione - all’interno della proprietà ANFFAS - di un Punto di Sosta per i visitatori del Parco del Ticino, la riapertura di un sentiero di collegamento con il fiume Ticino e con i sentieri che lo costeggiano, la messa a dimora di un frutteto con specie antiche autoctone.

Grazie all’apertura del Punto di Sosta, viene avviata una collaborazione col Parco del Ticino che porta, nell’estate del 2004, alla firma di una convenzione per la gestione di un Punto Parco Informativo deputato alla distribuzione di guide, cartine sentieristiche, pubblicazioni e gadget prodotti dal Parco.

L’azione promossa da ERSAF, ha avuto una funzione di volano per promuovere un processo evolutivo della mission di ANFFAS Ticino, con la scelta di avviare una trasformazione del ruolo della propria sede: da luogo protetto a luogo d’incontro attraverso il presidio del territorio e la proposizione di valori etici, solidali, di attenzione all’ambiente e agli stili di vita sostenibili e compatibili.

L’occasione per concretizzare questa scelta è l’adesione al progetto europeo Equal2 “Imprese Sociali per il sistema parchi e territorio” che consente l’avvio di un’impresa sociale per l’inserimento lavorativo di persone svantaggiate: la cooperativa sociale Radici nel Fiume.
La cooperativa, oltre a sviluppare ambiti produttivi propri (laboratorio di trasformazione alimentare, laboratorio di cartotecnica, punto vendita), si affianca ad Anffas nel progetto di presidio del territorio, assumendo un ruolo operativo finalizzato alla valorizzazione dell’area come luogo aperto ai cittadini e all’associazionismo attraverso l’organizzazione di eventi culturali, attività animative e didattiche. Vengono avviate attività di educazione alla sostenibilità e al rispetto dell’ambiente rivolte in particolare al mondo della scuola e realizzato uno spazio pic-nic con una piccola area attrezzata per ospitare persone con difficoltà motorie.
 
Nel corso del 2005, ANFFAS Ticino partecipa al tavolo sul turismo sostenibile di Agenda 21 promosso dalla Provincia di Varese, proponendo il progetto pilota per un turismo accessibile Un Sentiero per Tutti , che prevede la creazione di itinerari accessibili e spazi d’accoglienza e appoggio rivolti a persone con disabilità o con difficoltà di accesso, candidandosi alla realizzazione e gestione degli spazi d’accoglienza turistico per i fruitori del sentiero. Il progetto è stato accolto prima nel documento conclusivo del Forum provinciale di Agenda 21 ed in seguito dal Consiglio Provinciale di Varese. Nel 2006, il progetto Un Sentiero per Tutti viene discusso e approvato dal tavolo locale sul turismo sostenibile di Agenda 21 del CUV ( Consorzio Urbanistico Volontario fra i comuni di Somma Lombardo, Arsago Seprio, Cardano al Campo, Casorate Sempione, Ferno, Golasecca, Samarate, Vizzola Ticino).

Nell’agosto del 2007, il Parco del Ticino coinvolge ANFFAS Ticino nella progettazione del sentiero accessibile, che partirà dalla sede dell’associazione, costeggerà le rive del fiume lungo il percorso del sentiero E1, raccordandosi poi con la pista ciclabile e realizzando un anello di circa 4 km. 
 
Nell’inverno 2009, vengono avviati e portati a termine i lavori per la realizzazione del sentiero accessibile. Si concretizza così l’idea nata nel 2003 di rispondere ad un’esigenza di diverse fasce di popolazione che, per via delle loro condizioni, trovano difficoltà a poter usufruire di contesti naturalistici e turistici.

Oggi la cascina, grazie alla realizzazione del progetto Un Sentiero per Tutti  e alla stretta sinergia fra l’attività dell’ANFFAS Ticino e quella della cooperativa Radici nel Fiume, è diventato non solo un presidio riconosciuto e stabile del territorio, ma anche uno spazio d’incontro aperto, capace di   veicolare concretamente una cultura dell’accoglienza e dell’inclusione sociale, in grado di accogliere gruppi e persone con disabilità, persone anziane, famiglie con bambini in età infantile, associazioni di volontariato, realtà del terzo settore impegnate in attività con persone in situazione di disagio che vogliono accedere ad un’area particolarmente interessante del Parco del Ticino.
Anffas Ticino Onlus di Somma Lombardo
Località Molino di Mezzo - 21019 Somma Lombardo (Va) - Tel e Fax 0331/250184  anffasticino@anffasticino.it
C.F.91035180123 - P.I. 02106020023 - IBAN IT 39 C 05584 33470000000015280
PrivacyAccessibilità
Tebaide Web Agency